Ariete.png

La donna Vergine

La donna del segno presenta la stessa riservatezza del compagno zodiacale, esprime una freddezza esteriore per tutto quanto è amore e sesso. Ciò non significa che, interiormente, non viva gli impulsi dei sentimenti, ma istintivamente li frena, li analizza, li reprime. Procede a un’autocensura. È moglie lodevole sotto molti aspetti. Il suo concetto di matrimonio è che esso sia un’associazione legale, quasi da trattare come un affare. Di solito è ottima casalinga. L’ordine impera nella sua casa e mette quasi a disagio i visitatori che riterranno d’obbligo adottare le pattine per il pavimento e non muoversi dalla loro sedia. È efficiente, evita gli sprechi, sa dirigere, curare. Può dimostrarsi di umore mutevole, può essere brontolona, o lagnarsi di mali o di mancanza di soldi. È parsimoniosa e tiene al patrimonio domestico.

Il partner potrà rendersi conto che, il giorno in cui si dimenticherà di portargli il caffè a letto, o i vestiti non saranno appesi al loro posto, o non farà nessuna osservazione sulle scarpe sporche, beh, quel giorno segnerà l’inizio della fine dell’amore. Dal lato emotivo non è perfetta, nutre ansie, insicurezze, tensioni. Nell’intimità emerge la sua cerebralità e non coltiva passioni travolgenti o desideri. Il segno della Vergine rispecchia l’ordine delle cose, l’analisi, la critica.
Attenta, discreta, critica, può apparire troppo controllata, fredda, distaccata. È insensibile? Tutt’altro, molto spesso rinchiude sogni, desideri, parole a doppia mandata: in questo modo soffoca la propria personalità e sacrifica all’autocontrollo affetti, soddisfazioni, salute fisica. Eppure non può e non deve “lasciarsi andare” fino a che situazioni e persone (soprattutto persone) non abbiano dato garanzie sufficienti. In questo segno, al femminile, si trova bellezza fisica non aggressiva, ma distaccata, tranquilla. Lo sguardo è quasi severo. Un’eleganza innata, anche nel portamento, distingue la donna Vergine.
Ma dietro a limpide facciate si agitano impulsi profondi, insicurezze che creano tensione. Le barriere che costituiscono l’autodifesa difficilmente vengono abbassate, manca perciò un risanamento mentale che potrebbe evitare quasi inevitabili somatizzazioni fisiche. Fragilità psichica, autorepressione, tutto concorre a far sì che ricerchi affannosamente la tranquillità nel settore interessi.

Leggi anche: