Ariete.png

L'Acquario: lavoro e salute

Sebbene siano molto versatili, il temperamento dei nativi dell’Acquario meglio si adatta a un lavoro intellettuale piuttosto che pratico. Coloro che appartengono a questo segno possiedono una grande abilità mentale; ciò li spinge a scegliere attività inerenti al campo della tecnica (ingegneria elettronica, informatica, ecc.) e dell’arte (in particolare la musica). Per il tipo Acquario il lavoro è sinonimo di libertà.

Anche se il nome di questo segno farebbe pensare a un liquido, esso tuttavia appartiene ai segni dell’elemento Aria, governato da Urano e Saturno. Questi pianeti conferiscono un temperamento a dominante fredda. Le malattie connesse al segno presentano spesso l’imprevedibilità uraniana e determinano sovente anche mutamenti comportamentali. Urano è responsabile delle malattie di difficile diagnosi, e che vengono curate con terapie insolite o d’avanguardia. Dato che Saturno è un pianeta conservatore e Urano un pianeta innovatore non è raro che i soggetti facciano scelte terapeutiche ora alternative ora tradizionali.
Il segno dell’Acquario governa le gambe, i polpacci, le caviglie, la circolazione arteriosa. Ha anche influenza sul cervello. I muscoli delle gambe, i polpacci e le articolazioni sono soggetti a distorsioni, tendiniti, mialgie, osteoporosi e artritismo. Varici e flebiti sono anch’esse malattie specifiche dell’Acquario, in particolare le vene varicose. Proprio per questo motivo si suggerisce di evitare la posizione eretta, ferma, e si raccomanda il ricorso alle calze elastiche. La pressione arteriosa spesso è alta ed è bene controllarla con frequenza regolare. I nati in Acquario corrono rischi con l’elettricità, con i macchinari, con i raggi X. Si possono riscontrare casi di anemia, magrezza eccessiva, anoressia ecc. Nel segno si notano anche riferimenti alle aritmie cardiache, i disturbi della normale cadenza dei battiti, originati da stimoli che si determinano alla base dell’atrio destro, in un punto del tessuto miocardico detto di Keith e di Flack.

Leggi anche: