Ariete.png

Il pianeta dominante: Mercurio

Il sempre giovane dio alato della mitologia era il messaggero degli dèi. Simbolicamente rappresenta il principio armonico e intelligente della vita. Astrologicamente, Mercurio influisce sull’intelletto e sul ragionamento. Governa l’insieme delle facoltà mentali percettive. Un Mercurio positivo nel tema natale, regala capacità oratorie, inventiva, versatilità, elasticità psicofisica. E ancora, facilità d’apprendimento in generale (delle lingue straniere in particolare) e capacità d’improvvisazione. Al contrario, se negativo, lo si collega alla menzogna, all’inganno, all’incostanza e all’introversione. È l’astro più veloce e leggero del sistema solare. Il linguaggio, la scrittura, qualunque tipo di messaggio, viene diretto da Mercurio.

Chiarisce anche le turbe del sistema nervoso, e, a seconda della sua posizione e degli aspetti che forma con gli altri pianeti, può influire positivamente o negativamente sulla salute mentale.
Mercurio è l’energia del pensiero, ma il pensiero non è altro che il movimento che si produce nella coscienza sotto tre modalità: subconscio, conscio, superconscio, di cui Mercurio è l’agente trasmutativo. Mercurio è il “pensiero cosmico”, lo spirito universale nel suo aspetto divino. Mercurio- Gemelli trasforma le energie prerazionali-cosmiche in influsso psichico. In questa funzione, egli agisce non tanto come elemento immorale, quanto a- morale. Ogni norma morale suppone lo sviluppo della ragione. L’energia prerazionale dei Gemelli non comporta ancora, riflessa nell’uomo primitivo, né la distinzione tra il bene e il male, né il ragionamento, né la volontà che caratterizzano poi l’uomo-Leone, ma soltanto la sensitività, l’istinto, il desiderio. È per questo che si rimprovera spesso ai Gemelli (con aspetti negativi nel tema natale) di sottrarsi senza troppi scrupoli alle leggi della morale tradizionale. Mercurio è pure il metallo allo stato liquido che, per la sua condizione fisica, scorre su qualsiasi superficie lo si collochi, ed è pertanto inafferrabile. L’età che lo identifica è quella compresa tra il momento in cui il bambino inizia a parlare e la pubertà.
Mercurio è anche simbolo di instabilità endocrina, con appetito e polso irregolare, con alternanze di sovreccitazione e depressione. Anche i muscoli sono interessati da Mercurio (specie quelli delle braccia e delle spalle). Sia le nevrastenie che le amnesie, i tic, gli strappi muscolari, la balbuzie, le psicosi, sono da attribuire a Mercurio. Ma anche le nevralgie, le nevriti, le paralisi agli organi periferici, i mal di testa di origine nervosa.

Leggi anche: