Ariete.png

Segno Capricorno

Nati dal 22 Dicembre al 20 Gennaio

Oroscopi del segno Capricorno

"A volte il Capricorno si da traguardi impossibile per dimostrare a se stesso cosa è capace di fare".

Caratteristiche del segno

Fuoco.png

L'elemento del segno: Terra

Le proprietà caratteristiche dell’elemento Terra sono la compattezza, la densità e la durata. Queste proprietà diventano anche elementi base dei...

Marte.png

Il pianeta dominante: Saturno

Saturno è il terzo pianeta esterno, la sua distanza dal Sole è di circa 1428 milioni di chilometri. Ha tre anelli concentrici nebulosi che lo circondano sul piano equatoriale, e si ritiene siano composti di ghiaccio e neve...

Rubino.png

La pietra del Capricorno: Onice

L’onice è un biossido di silicio. Il suo colore è nero translucido. Questa pietra è utilizzata per fabbricare rosari, perché l’onice sa infondere modestia e pensieri elevati. Inoltre, combatte le negatività, porta equilibrio e serenità, ed è indicato per risolvere problemi familiari. Per quanto riguarda la salute, combatte la perdita dei capelli, rafforza il pancreas e l’udito, aiuta contro i disturbi della tiroide e rimargina le ferite.

Compatibilità del segno

Coppia superlativa con: 

Segno Ariete.png
Segno Bilancia.png

Coppia valida con: 

Segno Gemelli.png
Segno Leone.png

Coppia discreta con: 

Segno Cancro.png
Segno Capricorno.png

Coppia improbabile con: 

Segno Toro.png
Segno Vergine.png

Altri approfondimenti sul segno

Le decadi del segno

Prima decade

Se siete nati nei giorni compresi tra il 22 e il 31 dicembre: il pianeta personale è Saturno. Il soggetto è selettivo, pochi amici ma sinceri! Si sa che Saturno è restrittivo nei suoi influssi e crea un carattere conservatore al massimo, con chiusure non indifferenti e introversione. Mette in risalto la stabilità in tutto, la resistenza, la tenacia e la perseveranza. I nativi possono influenzare positivamente la loro situazione economica con investimenti oculati e con il risparmio. La natura dei nativi è paziente, esiste molta fermezza di propositi.

Seconda decade

Se siete nati nei giorni compresi tra il 1° e il 10 gennaio: il pianeta personale è Venere che inclina alla dolcezza, alle arti, alla bellezza. Il portamento di questi nativi è fiero e gradevole; il carattere indica costanza e perseveranza. Sviluppa allegria e facoltà idealistiche, artistiche e musicali, presiede alle emozioni e agli affetti. Il pianeta di base del segno, Saturno, influisce su Venere facendo vivere spesso in modo frustrante i sentimenti e l’amore. I veri sentimenti interiori possono rimanere nascosti o essere censurati. In questi nativi si riscontra grande fermezza e forza di volontà.

Terza decade

Se siete nati nei giorni compresi tra l’11 e il 20 gennaio: il pianeta personale è Mercurio che conferisce raziocinio e rafforza l’intelletto; dà però anche instabilità di fondo. Mercurio controlla il cervello e il sistema nervoso, lo rende fragile in questa posizione, in comunanza con Saturno. Presiede alle attività commerciali e i nativi avranno inclinazioni in questo senso.

Analisi del segno

Il tempo che va all’incirca dal 22 Dicembre al 20 Gennaio costituisce il cuore dell’inverno, il momento in cui si sente maggiormente la morsa del freddo. Ogni attività pare congelarsi, il silenzio della natura domina. È in questa stagione che nascono la donna e l’uomo del Capricorno.


Governato dal severo Saturno, la serietà espressa da questo segno pare fondersi con la natura, con la sua solitudine e la sua desolazione. Il Capricorno porta in sé questi elementi, li unisce alla razionalità che lo contraddistingue, e alla crudezza con cui analizza la vita in ogni sua piega. 


L’ambizione, la fierezza, la tenacia incrollabile nelle cose in cui crede, ne fa un arrampicatore solitario e forte. Spesso, infatti, abituato a essere duro con se stesso, lo è anche verso l’esterno, verso gli altri, che non amano essere stimolati troppo, criticati, guidati. Anzi, spaventati da una visibile serietà che a volte può sconfinare nella monoliticità o, peggio, in momenti di lunaticità, si affretteranno ad apostrofarlo. 


Il nativo vede chiaro attorno a sé, non gli sfugge la realtà, mira con precisione ai propri obiettivi e sa perseguirli. Vede un po’ meno chiaramente dentro di sé e rimane, a volte, vittima dei propri pessimismi, di una tendenza alla depressione.


Grande lavoratore, impara quasi subito, senza spaventarsene, che nulla gli viene regalato, e che dovrà faticare per raggiungere gli scopi prefissi. È responsabile e ha senso del dovere. Cerca le sue sicurezze in una routine rassicurante, nell’abitudinarietà del gesto, e chi gli sta intorno trova tutto questo spesso monotono. Per tale ragione vi sono dei Capricorno che a un certo punto della vita si accorgono di essere rimasti isolati. Ma loro sanno procedere da soli.


Questo segno invernale, serio, essenziale copre con una corazza di durezza un tumulto di sentimenti profondi, di ansie, di insicurezze. Il suo riserbo gli può precludere spesso le soddisfazioni dell’amore, dell’amicizia, della collaborazione, ma non intacca la sua forza. Chi riesce a conoscerlo in profondità può apprezzarne le qualità. 


È permaloso, e può esprimere un autoritarismo non gradito a tutti. Un po’ di diffidenza esiste in lui, ma questo possiede anche il potere della logica. La rigidità che lo contraddistingue non è in massima parte che autodifesa. Un segno forte e debole, soprattutto coerente e tenace. Realista lo è sempre.


Anche nel settore dell’amore ha difficoltà a esprimersi per quel suo riserbo che spesso viene scambiato per freddezza o incapacità d’amare, ma se incontra il partner che gli offre dedizione e comprensione saprà instaurare un rapporto duraturo, basato sulla lealtà e sulla sicurezza. 


Riversa sui figli molto amore e tanta tenerezza, e, contrariamente a quanto si crederebbe, tante coccole e attenzioni da viziarli. Concede loro più del necessario, quasi lo donasse a se stesso, ritenendosi in qualche modo carente. La famiglia assorbe molto del suo tempo e dei suoi sentimenti. Vi è spesso l’ansia di non ottemperare ai propri doveri e ogni sacrificio viene vissuto volentieri.


Per chi lo frequenta, il Capricorno può essere “profeta di sventura” ed egualmente “grillo saggio”. È un introverso che molto spesso non viene compreso. Possiede una resistenza eccezionale e non solo fisicamente: sa sopportare in silenzio, con serena filosofia, con pazienza. Il severo Saturno gli offre anche un dono prezioso: la coscienza. 


Il segno è incline a crisi depressive, ma ai migliori tra loro questo serve da stimolo per procedere nel cammino della vita. Molti lo definiscono arido; meglio definirlo un pragmatico all’eccesso, capace di sentimenti profondi e duraturi. Deve guardarsi dal coltivare un esagerato egoismo, un’esagerata avarizia, una smania di potere che potrebbe sfociare nel dispotismo. La mente è all’erta per trarre vantaggio dalle circostanze. 


Hanno il sangue freddo necessario per non perdersi facilmente d’animo nei casi d’emergenza. Solo se riescono a superare la loro timidezza possono divenire dinamici. Può emergere la loro aggressività, ma di solito è autodifesa. Anche il loro orgoglio è importante, ma sono leali e comprensivi. Se feriti nella sensibilità, emergerà tutta la loro criticità. Di solito esprimono con franchezza i loro pensieri, senza porsi il dubbio se questo potrà ferire od offendere qualcuno. 


Il loro senso della misura fa sì che raramente vadano in collera e di solito per questioni poco importanti. Hanno la capacità di concentrarsi e sanno esercitare molto bene l’autocontrollo. Anche se non traspare, debbono spesso sforzarsi di non ragionare solo sul filo dei loro sentimenti, sul filo dei pregiudizi; è una tendenza difficile da controllare. Se vi riescono, ne guadagna molto la loro capacità di giudizio, obiettiva e seria.