Ariete.png

Segno Acquario

Nati dal 21 Gennaio al 19 Febbraio

Oroscopi del segno Acquario

"Credi di conoscere un Acquario, ma in realtà ti ha mostrato solo una frazione di ciò che è".

Caratteristiche del segno

Fuoco.png

L'elemento del segno: Aria

Avendo l’Aria la proprietà di espandersi, di circolare liberamente, le si attribuisce, simbolicamente, le qualità della comunicazione e della libertà...

Marte.png

I pianeti dominanti: Urano e Saturno

Urano fu scoperto nel 1780 dall’astronomo inglese William Horchel. Questo pianeta si muove in senso contrario rispetto agli altri pianeti, e ciò gli ha valso l’appellativo di rivoluzionario...

Rubino.png

La pietra dell’Acquario: Lapislazzuli

Il lapislazzuli è un silicato di sodio. Presenta un caratteristico colore blu (le tonalità però sono varie, e possono andare dal blu scuro al blu verdastro in associazione a calcite). Non deve comunque essere confuso con l’azzurrite o la sodalite. Gli si attribuiscono più virtù: è la pietra della comunicazione con gli spiriti guida, dà saggezza, chiarezza mentale, riattiva l’energia fisica, conferisce forza e combatte la depressione, lo stress e l’ansia. Aumenta infine la creatività ed equilibria le emozioni. Come proprietà curative gli si riconosce la facoltà di abbassare la pressione sanguigna e la febbre, combatte la laringite e le infiammazioni dei nervi. Regola quindi la lacrimazione degli occhi.

Compatibilità del segno

Coppia superlativa con: 

Segno Ariete.png
Segno Bilancia.png

Coppia valida con: 

Segno Gemelli.png
Segno Leone.png

Coppia discreta con: 

Segno Cancro.png
Segno Capricorno.png

Coppia improbabile con: 

Segno Toro.png
Segno Vergine.png

Altri approfondimenti sul segno

Le decadi del segno

Prima decade

Se siete nati nei giorni compresi tra il 21 e il 31 gennaio: il pianeta personale e dominante è Urano, il pianeta dello spirito. È il pianeta dei cambiamenti, dell’energia rivoluzionaria. Rende magnetica la personalità del nativo, ne moltiplica la mobilità e l’originalità. La vita affettiva risulta movimentata e instabile.

Seconda decade

Se siete nati nei giorni compresi tra il 1° e il 9 febbraio: il pianeta personale è, in questo caso, Mercurio, i cui influssi sono mutevoli e si diramano su ogni pianeta con cui viene in congiunzione. Mercurio dona al nativo mobilità, eccitazione nervosa, mutevolezza a volte eccessiva. Questo pianeta governa anche le attività commerciali, campo che interessa molto i nativi. Proprio per la congiunzione tra Urano e Mercurio, gli Acquario appartenenti a questa decade dispongono di una grande concentrazione intellettuale.

Terza decade

Se siete nati nei giorni compresi tra il 10 e il 18 febbraio: il pianeta personale è Venere che indica armonia e allegria. Sviluppa anche le facoltà artistiche, l’estro; fa amare la musica. Venere viene dominata da Urano e ciò non fa che aumentare il talento artistico dei nativi. Spesso la carriera è scelta proprio in questo settore.

Analisi del segno

Il tempo che va all’incirca dal 21 Gennaio al 19 Febbraio, delimita un periodo dell’anno in cui, ancora, impera l’inverno, ma le giornate cominciano ad allungarsi. È in questa stagione che nascono la donna e l’uomo dell’Acquario. 


Anche il segno dell’Acquario fa sue queste percezioni; è un segno in cui i desideri sono proiettati verso un futuro nuovo e migliore, un segno aperto all’amicizia e alla collaborazione. L’Acquario non ha le doti di costanza e di pazienza, la rassegnazione che possiede il Capricorno, anzi, il suo progettare e realizzare con criteri tutti personali può apparire, dall’esterno, come un agire spesso convulso, non organizzato, ma non è così; sono i suoi metodi di applicazione a essere diversi.


Non ricerca la solitudine, ma il rapporto umano, l’amicizia. Si sbizzarrisce con la fantasia, sa avvicinarsi al mondo dello spirito con la giusta sensibilità. Infatti, in questo segno, nascono spesso filosofi, pensatori, musicisti. Sia in grande stile che su scala limitata, a seconda dell’evoluzione personale, l’Acquario inventa, crea


Sa guardare davanti a sé senza cancellare il passato. Anzi, a volte, precede fin troppo i tempi, rischiando in tal modo di essere mal compreso e male accettato. Non è che lui se ne preoccupi molto e continua ad andare per la sua strada. Possiede infatti il coraggio di sperimentare sul piano pratico le proprie teorie, anche quelle ardimentose. 


Ama l’originalità, la sensazione che crea esperienze diverse, l’improvvisazione, tutto ciò che ha a che vedere con le novità del momento, le scoperte recenti, la vita nel sociale, il cameratismo.


La routine, il vivere convenzionale, l’attaccamento alle tradizioni non fanno per lui. Fugge la monotonia, le lungaggini, ciò che sa di stantìo. Ma soprattutto non sopporta persone o situazioni che possono porre, direttamente o indirettamente, limiti alla sua libertà, intesa nel senso più ampio del termine. 


La personalità è affascinante, trascinante. Con le sfaccettature che presenta deve evitare di cadere in un certo dilettantismo per ricercare un approfondimento dei temi che gli si confanno. Occupato per la maggior parte del suo tempo a tuffarsi nei propri sogni e progetti, può essere definito, con un giudizio estemporaneo, dispersivo o pigro. Non è proprio così, anche qui come nell’ambito del lavoro applica solo sistemi diversi dai soliti. 


Il suo modo d’amare è particolare, è più universale che individuale, il nativo sa donare a ognuno qualcosa di sé. Ha l’animo dell’artista; può sentirsi spesso incompreso, frainteso! Sa non annoiarsi mai, neppure in solitudine. Spesso lo si può definire geniale, quando riesce a fare buon uso del proprio estro e della propria fantasia. 


Anche il campo affettivo-sentimentale è motivo di riflessione per lui. Ha un’istintiva riluttanza verso legami stretti e duraturi o soffocanti, opta per unioni più libere. Sa introdurre un certo cameratismo anche nei rapporti amorosi. La sua è una coscienza di gruppo; per lui l’individuale diventa universale. Sa mantenere l’autocoscienza pur perdendo l’individualità per il bene comune.


Il simbolo dell’Acquario è un portatore d’acqua, emblema della fonte di vita, della conoscenza, della spiritualità. Abbandonare la propria sicurezza per cercare il mondo: questa può essere la bandiera del segno. È estroso, curioso, teso a risolvere ogni problema con spirito di solidarietà, preferisce di solito i settori scientifici e tecnici. La sua intelligenza è intuitiva e deduttiva, pecca a volte d’incostanza. La memoria dell’Acquario è ottima, la capacità d’apprendimento è alta, anche se poi i nativi non mettono in pratica quanto imparato. Vi è in questo segno una tendenza a classificare ogni nuovo stimolo che viene dall’esterno. Deve forse apprendere a memorizzare meglio le proprie idee e a dar loro maggior valore.


In fondo è un grande idealista, con una natura complessa, e desidera affermare la propria indipendenza con volontà originale, contraddittoria. Non si sottomette alla volontà altrui e si distoglie dai sentieri battuti. 


Come avviene per altri segni, anche in questo si trovano sfumature caratteriali differenti, a seconda che un soggetto sia nato all’inizio o alla fine del segno: i primi risentono dei valori saturnini del segno precedente, il Capricorno, e sono più inibiti, più distaccati, più saggi. Pericoloso è il loro idealismo che può portarli a vivere al di fuori degli schemi. Il secondo tipo ha, invece, valori disinibiti nel proprio quadro. Ostenta quasi un’eccentricità a ogni livello. 


I nativi non amano la meschinità, sanno criticare, ma non sanno applicare molto bene la critica a se stessi. Il loro coraggio, a volte, sfiora la temerarietà. Sono molto ambiziosi, si dimostrano caparbi nel perseguimento dei propri interessi. Sono sognatori e riescono a trasformare in realtà molti dei loro sogni. Quando sono di pessimo umore vige un’unica regola: lasciarli in solitudine. In questo modo attiveranno le risorse personali per ritornare, poco dopo, sereni e sorridenti. Non bisogna insistere in discussioni che non riescono ad accettare, non si fa che peggiorare la situazione. Dato che si rivelano tra le persone più simpatiche e premurose, è molto difficile, a ogni modo, riuscire a litigare con loro.